Una seconda indagine è stata avviata sull’accordo della famiglia Barclay di trasferire il gruppo del quotidiano Telegraph, posticipando di oltre sei settimane il termine per le segnalazioni delle autorità sulla minaccia di persone.

Il governo del Regno Unito si è affrettato a richiedere una seconda indagine dopo che il partner di Barclays, sostenuto dagli Emirati Arabi Uniti, ha rivelato cambiamenti dell’ultimo minuto avvenuti nella società.

La segretaria alla cultura, Lucy Frazer, che ha annunciato la nuova inchiesta venerdì, ha criticato RedBird IMI per aver informato il suo dipartimento “troppo tardi” per creare una società britannica che possedesse i titoli Telegraph e Spectator.

Mercoledì sono stati costretti a rilasciare una dichiarazione in cui affermavano che “intendevano” rilasciare un nuovo PIN in base all’incidente, due giorni prima che Ofcom e l’Autorità per la concorrenza e i mercati (CMA) lo rilasciassero. i risultati della prima indagine da lui ordinata a novembre.

Anche la nuova indagine si concentrerà sullo stesso aspetto: Ofcom ha il compito di esaminare l’impatto della necessità di una migliore rendicontazione, di una rendicontazione aperta e di un maggiore controllo sull’opinione e sulla proprietà. La CMA esaminerà eventuali problemi che potrebbero influenzare la concorrenza.

La revisione dell’indagine significa che entrambe le autorità di regolamentazione torneranno a Frazer l’11 marzo, quando dovranno decidere se avviare un’altra indagine, più lunga e più approfondita. Tuttavia, se i rapporti non dovessero riscontrare preoccupazioni, Frazer dovrebbe accettare l’accordo.

Tuttavia, molti osservatori si aspettano che dalle domande iniziali emergano alcune cose. Ciò significa che la CMA condurrà un’indagine per un periodo massimo di 24 settimane, con la possibilità di estendere otto settimane se ci sono “motivi particolari”, il che significa che la questione della nuova proprietà del telegrafo sarà un problema per il nuovo governo dopo le elezioni.

RedBird IMI, fortemente finanziato dallo sceicco Mansour bin Zayed Al Nahyan, vicepresidente degli Emirati Arabi Uniti e proprietario della squadra di calcio del Manchester City, sta saldando 1,16 miliardi di sterline di debiti dovuti dalla famiglia Barclay alla banca Lloyds e lo ha fatto. ha detto che trasferirà rapidamente il prestito per assumerne la proprietà se l’accordo sarà concluso.

Il consorzio, gestito dall’ex amministratore delegato della CNN Jeff Zucker, ha affermato che la mossa della società non ha cambiato “la conoscenza, la cultura o gli interessi finanziari degli azionisti”.

RedBird IMI ha detto che “rimarrà una consociata interamente controllata” e “non potrà fare nulla” riguardo a Telegraph.

Zucker ha più volte affermato che la società fornirà servizi per tutelare l’indipendenza delle posizioni.

Nel frattempo, il Telegraph ha nominato un nuovo amministratore delegato. Anna Jones, ex editrice britannica di Cosmopolitan, Men’s Health ed Esquire, sostituisce Nick Hugh, che gestiva il Telegraph Media Group dal 2017 e se ne è andato immediatamente.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *